twitter facebook

Appuntamenti

 

 

 

 

Piero Bianucci
I miei libri

Piero Bianucci

 

ebook

Vedere, guardare.
Dal microscopio alle stelle, viaggio attraverso la luce
UTET, in libreria dal 20 gennaio 2015


Dal febbraio 2016 è in libreria, revisionata e con alcuni aggiornamenti, la prima ristampa di “Vedere, guardare- Dal microscopio alle stelle viaggio attraverso la luce” (UTET).

 

“La luce, colta lì dove sorge, è di una purezza ineguagliabile, onnicomprensiva, incomprensibile” Luca Parmitano, astronauta.
(dalla voce “spazio”, Vocabolario Zingarelli 2015, Zanichelli)

 

 

L’ONU ha proclamato il 2015 “Anno Internazionale della Luce”. Ho pensato che fosse il caso di salutarlo con un libro. Perché alla luce dobbiamo tutto, a cominciare dalla vita sulla Terra. Ecco sette buoni motivi per festeggiare l’Anno della Luce.

 

  • La vita esiste grazie alla fotosintesi, il meccanismo delle piante che trasforma la luce in sostanze nutrienti.
  • La luce ci ha svelato l’origine dell’universo e la composizione delle stelle.
  • Non avremmo Internet senza raggi di luce incanalati in fibre ottiche.
  • La luce solare ci regala le energie rinnovabili – fotovoltaica, eolica, idroelettrica.
  • E’ stupefacente la molteplicità di occhi inventati dalla natura per catturare la luce.
  • Formidabili sono i telescopi e i microscopi inventati per potenziare la vista.
  • E’ la luce a permetterti di leggere queste righe.

 

Ma attenzione: solo lo 0,5 per cento dell’universo emette luce. La lezione del buio, cioè del restante 99,5 per cento, è ancora tutta da imparare.

 

Dalla percezione visiva ai grandi misteri del macrocosmo e del microcosmo, “Vedere, guardare” accompagna i lettori tra curiosità ed enigmi: le frontiere dell’astronomia e dei super-microscopi, le reazioni dei pesci di fronte a un’illusione ottica, le ricerche sulla fotosintesi artificiale, il sogno del teletrasporto, la scoperta di un terzo occhio umano, gli esperimenti sull’influsso della luce nel “risveglio” dal coma.

Insomma: un invito a vedere, anzi a guardare, l’universo in una chiave nuova, scoprendo l’importanza della luce in ogni ambito della vita dell’uomo e del cosmo.

RASSEGNA STAMPA

 

Piero Bianucci

 

storia sentimentale dell'astronomia

 

ebook

Storia sentimentale dell'astronomia
Longanesi, dal 31 Ottobre 2012

 

“L’universo è semplice.

E’ la sua spiegazione che è complicata”.

Woody Allen

 

Ci sono molte storie dell’astronomia.
La più completa rimane quella dell’Università di Cambridge, opera di molti autori, parzialmente tradotta in italiano per Rizzoli.
La migliore storia dell’astronomia di casa nostra rimane quella che Giorgio Abetti pubblicò da Vallecchi negli Anni 70.

Mancava  una “storia sentimentale dell’astronomia”, cioè una storia che desse ampio rilievo agli aspetti umani degli astronomi che, dai Sumeri ad oggi, hanno cercato di penetrare il mistero dell’universo. Ho provato a scriverla.

Sono vicende curiose, spesso al limite del pettegolezzo.

 

Talete cadde in un pozzo mentre passeggiava guardando la Luna e una servetta tracia si fece beffe del filosofo. Tycho Brahe girava con un naso finto perché aveva perso quello vero in un duello. Keplero scoprì le leggi del moto dei pianeti ma faceva oroscopi per campare e salvare dal rogo la madre fattucchiera. Galileo frequentava case di piacere, ebbe tre figli da un’amante e ormai vecchio scoprì la bellezza di un amore intellettuale. Cassini usò l’astronomia per arricchirsi e sistemare figli, nipoti e pronipoti. Newton era invidioso e attaccabrighe, fu più alchimista e teologo che scienziato e come inflessibile direttore della Zecca di Londra mandò alla forca decine di piccoli falsari. Le Verrier, scopritore del pianeta Nettuno, fu avido e tirannico. Einstein cancellò dalla sua vita una figlia avuta prima del matrimonio. Hubble, padre del Big Bang, da giovane era un pugile in corsa per il titolo mondiale. Henrietta Leavitt, che scoprì il “metro dell’universo”, dovette subire un capo maschilista. Ma oggi spiccano Vera Rubin, detta “la dark lady” per i suoi studi sulla materia oscura, e Jill Tarter, portabandiera della ricerca di extraterrestri intelligenti, inserita da Time tra le 100 personalità più influenti del mondo.
Dallo sgomento dell’uomo primitivo nella notte piena di stelle alle grandi domande esistenziali dell’uomo moderno fino alla scoperta della “particella di Dio”, il cielo continua ad essere specchio dei sentimenti, della Ragione e della curiosità umana.

Per questo nella storia dell’astronomia c’è tutta la nostra storia.

 

Piero Bianucci

Progetto Genesis – Scienze della Terra, vol C
(per il quinto anno dei nuovi licei)

De Agostini, 2012

 

 

La riforma Gelmini che ha rimodellato le scuole superiori non cita neppure la parola “astronomia”. Neanche a proposito dei programmi di Scienze della Terra. Per fortuna la De Agostini si è ricordata che la Terra è un pianeta e che forse sapere dove si trova (Sistema solare, Via Lattea, Universo) non è superfluo. Inoltre la scoperta di come la Terra si muove è stata decisiva per la grande rivoluzione culturale che segna il passaggio dal Medioevo all’età moderna e alla sua scienza fondata sul metodo sperimentale. Così questo corso di Scienze della Terra è dotato di un’ampia sezione di astronomia, che mi è stata affidata in quanto avevo già trattato questo argomento in un testo De Agostini degli Anni 80-90, “Il Sistema Terrestre”, opera diretta da Augusto Biancotti (Università di Torino). Per tenere leggere le spalle dei liceali, dell’astronomia il testo su carta contiene soltanto il capitolo “I moti della Terra”. Gli altri due capitoli, “La Terra nel Sistema solare” e “La Terra nell’universo” si trovano nel libro digitale e sul web, dove un apposito sito terrà continuamente aggiornato questo corso per il quinto anno dei nuovi licei.

 

Piero Bianucci

 

ebook

Le macchine invisibili
Longanesi, Milano, 2009

Pagine 302

 

La cucina è un laboratorio: spaghetti e pollo arrosto sono il risultato, più o meno gradevole, di un vortice di reazioni bio-fisiche.
In camera da letto avvengono reazioni ancora più delicate: piccole invenzioni come cerniere lampo, reggicalze e bottoni a pressione in posizione strategica talvolta hanno effetti travolgenti.
In bagno sono molecole a due facce, una idrofila e una idrofoba, a combattere la millenaria guerra della sporcizia. Satelliti artificiali portano il mondo davanti al divano del salotto e un laser ci fa ascoltare Madonna o i Berliner Philarmoniker. Computer e Internet mettono un miliardo di persone alla portata di un click.
Dal forno a microonde al lettore di Dvd, dall’aspirapolvere alla lavatrice, decine di macchine fanno della nostra casa una tana accogliente. Dietro ci sono secoli di scienza, geni come Faraday e Einstein. Eppure a queste macchine siamo così abituati che per noi sono diventate invisibili, “scatole nere” dal contenuto misterioso. Questo libro racconta la loro storia. A cominciare dai 30-40 motori elettrici che lavorano come docili schiavi nascosti negli elettrodomestici.
Scienza e tecnologia hanno migliorato l’esistenza umana in modo incredibile. E’ merito loro se nel 1900 si campava in media 44 anni e oggi 80: saponetta e frigorifero hanno salvato più vite degli antibiotici. Tra le righe si annida anche una provocazione filosofica: è la tecnologia a provare la “verità” della scienza pura perché le sue applicazioni sono esperimenti ripetuti ogni giorno da ognuno di noi.

 

Piero Bianucci

 

ebook

Viaggio verso l'infinito
Le sette tappe che ci hanno svelato l'Universo
Gruppo B, Milano, 2009

 

Questo libro fa parte di una piccola collana di 6 volumi che ho curato per Gruppo B, editore dei mensili le Stelle e Nuovo Orione, in occasione dell’Anno Internazionale dell’Astronomia. Racconta le sette tappe fondamentali dell’esplorazione dell’universo: l’invenzione del telescopio, la scoperta della legge di gravità, l’era dell’osservazione visuale, la misura delle distanze cosmiche, la rivoluzione della relatività,il Big Bang, le missioni spaziali, la scoperta che l’espansione dell’universo sta accelerando.

 

Piero Bianucci

Destinazione Luna
Dal primo sbarco dell'uomo alle future colonie
Gruppo B, Milano, 2009 (con Mario Di Martino)

 

Con Mario Di Martino, astronomo all’Osservatorio di Torino, specialista nello studio dei corpi minori del sistema solare, ci siamo spartiti i compiti: io ho raccontato le missioni Apollo che portarono alla conquista della Luna, Di Martino le conoscenze che ne sono derivate e i nuovi programmi di ricerca.

 

Piero Bianucci

Lune
Springer, Milano, 2009, (con Edoardo Romagnoli)

 

Questo volume d’arte disegnato dal grande grafico Giulio Confalonieri e pubblicato in sua memoria, contiene straordinarie fotografie della Luna scattate da Edoardo Romagnoli con la tecnica del “mosso”. Io ho scritto alcuni testi scientifici e di presentazione.

 

Piero Bianucci

 

ebook

Te lo dico con parole tue
La scienza di scrivere per farsi capire
Zanichelli, Bologna, 2007

 

Che cos'è una notizia, come la si tratta e come la si racconta? Questo libro passa in rassegna le diverse forme giornalistiche e affronta argomenti delicati come la scelta delle fonti e l'etica professionale di chi scrive. È un elogio della razionalità scientifica, da cui emerge un piccolo manuale di buona (e di cattiva) scrittura che ha valore generale. Perché la comunicazione - quella vera - e la divulgazione sono quasi la stessa cosa: se si impara a divulgare la scienza si saprà anche scrivere meglio di storia, di economia o di letteratura.

 

Piero Bianucci

Tutti i numeri sono uguali a cinque
Springer, Milano, 2007

 

Una raccolta di racconti curata da Stefano Sandrelli, Daniele Gouthier e Robert Ghattas (anche) in ricordo di Primo Levi a vent'anni dalla sua scomparsa.
Tra gli autori ci sono anche Tullio Regge e Renzo Tomatis. 

 

Piero Bianucci

 

ebook

ebook

Buonanotte fra le stelle
Simonelli Editore, Milano, 2005

 

Il filo conduttore del libro è l’universo: pianeti, stelle, nebulose, galassie, naturalmente senza escludere la Terra, che del cosmo è un pezzetto insignificante ma per noi, che siamo provinciali, è importantissima. Per ogni giorno dell’anno il libro riporta una notizia curiosa, concludendola con una battuta (possibilmente) spiritosa.

 

 

 

Piero Bianucci

Passeggiando tra le stelle
Sei itinerari ideali per ammirare lo spettacolo del cielo.
Gruppo B,  Milano, 2005

 

Ogni stagione ha il suo cielo, e tutte le stagioni, alle nostre latitudini, hanno il cielo delle stelle circumpolari.
A occhio nudo, con un binocolo e con un piccolo telescopio sono tante le meraviglie dell’universo che potrete scoprire.

 

Piero Bianucci

 

ebook

ebook

Il Piccolo Cielo

Astronomia da camera per notti serene
Simonelli Editore, Milano, 2003, 

 

Qui troverete storie di cose semplici e quotidiane: polvere, acqua, ghiaccio, sassi, luci, ombre, colori, suoni. Ma sono polvere, acqua, ghiaccio, sassi, luci, ombre, colori e suoni che andiamo a riscoprire nello spazio: l’avventura dell’esplorazione cosmica riportata in un piccolo cielo personale, su scala umana, con le parole di una conversazione tra amici.
Un libro per meditare e rasserenarsi, da leggere a letto prima di spegnere la luce, naufragando piacevolmente nell’immensità dell’universo. Che probabilmente non è infinito come immaginava Giacomo Leopardi, ma è più che sufficiente per garantirci una evasione intelligente dal provincialismo di questa vecchia Terra.

- GUARDA IL VIDEO DI PRESENTAZIONE (nella videogallery)

 

 

Piero Bianucci

La Luna.
Dallo sbarco alla colonizzazione
Giunti Editore, Firenze, 1999

 

A trent'anni dal primo sbarco sulla Luna in questo libro ho messo, oltre alla storia della conquista del nostro satellite, alcuni degli sviluppi di ricerca successivi, legati soprattutto a due satelliti americani degli Anni 90.

 

Piero Bianucci

 

Atlante della Terra
UTET e Garzanti, 1997

 

Nel curare questa “grande opera” della gloriosa Utet, ho scritto i capitoli sull’atmosfera, sugli oceani e sul clima e ho affidato le parti rimanenti a Augusto Biancotti, Maria Luisa Bozzi e Franco Foresta Martin.

Piero Bianucci

 

ebook

ebook

Nati dalle stelle

Viaggio nel cosmo alla scoperta delle nostre origini. Un racconto scientifico che appassiona e affascina come il più popolare dei romanzi
Simonelli Editore, Milano, 1997

 

A suo tempo fu in Italia il primo libro divulgativo a raccontare la scoperta dell’origine degli elementi chimici più pesanti, cioè la nucleosintesi nelle stelle e nelle esplosioni delle supernove, una delle più grandi conquiste dell’astrofisica moderna. Ma dentro c’è, sia pure in breve, tutta l’astronomia in 27 capitoletti di 7-8 pagine ciascuno.

 

 

- GUARDA IL VIDEO DI PRESENTAZIONE (nella videogallery)

Piero Bianucci

Piero Bianucci

Atlante dell'Universo
UTET e Garzanti, 1997 (con Walter Ferreri)

 

Scritto con Walter Ferreri (planetologia) e Tullio Regge (cosmologia), accoglie anche altri contributi per l’astrofisica e l’archeoastronomia.

Piero Bianucci

Non ci casco

(con altri autori)
Stampa Alternativa, Roma, 1997

 

Un cofanetto, credo ormai introvabile, dove in sei libretti vengono smascherati gli inganni del paranormale, dei “miracoli”, delle sedute spiritiche, delle medicine alternative, delle leggende metropolitane e delle truffe più frequenti.
Con Margherita Hack, Piero Angela, Silvio Garattini e Antonio Lubrano presento brevi saggi su questi sei temi scritti da Massimo Polidoro, Luigi Garlaschelli, Elena Ruffinazzi, Paolo Toselli e Riccardo Mancini. Il tutto sotto l’egida del Cicap.
Io mi occupo delle leggende metropolitane, sostenendo che in fondo ciò che ci viene spacciato come informazione dai giornali non è molto diverso.

 

Piero Bianucci

 

ebook

ebook

L'Uovo del Futuro

Racconti con un inedito di Primo Levi
Simonelli Editore, Milano, 1996

 

Sono 21 racconti di fantascienza ambientati nel 2044, l’anno in cui festeggerò il secolo di vita. L’ultimo è straordinario, perché prende avvio da una lettera-racconto che mi inviò Primo Levi.
Ci sono poi racconti in cui parlano in prima persona polmoni, cuori e reni appena trapiantati, computer morenti per un virus che ricorda l’Aids, fotoni, neutrini e gravitoni provenienti dal Big Bang. E compaiono fucili “etici” che si rifiutano di centrare un bersaglio umano, ragazze allegre che si trasferiscono dal cliente con il teletrasporto, materiali a levitazione magnetica usati in chirurgia estetica per sostenere il seno.
Pur trattandosi di fantascienza, nei racconti sono citati 158 personaggi famosi contemporanei.

 

 

- GUARDA IL VIDEO DI PRESENTAZIONE (nella videogallery)

Piero Bianucci

Caccia al meteorite
Editoriale Scienza, Trieste, 1994

 

Questo è un libro strano. Contiene due lunghi racconti.
Il primo, stampato su carta ingiallita per dare l’idea del tempo passato, è la riduzione di un romanzo di Jules Verne: la storia di un meteorite d’oro che cade vicino al polo nord della Terra suscitando appetiti facilmente immaginabili.
Il secondo racconto – quello che ho scritto io – è stampato su carta bianchissima per dare l’idea della modernità. Pur essendo in forma narrativa, il mio testo è in realtà una raccolta di informazioni e dati sugli asteroidi. Un racconto scientifico a corredo di quello fantascientifico scritto da Jules Verne nel 1901 e pubblicato postumo nel 1908.
Pensato per i ragazzi dai 12 ai 18 anni, questo libro appartiene a una originalissima collana ideata da Hélène Stavro di Editoriale Scienza.
Come molte cose intelligenti, non ha avuto grande successo.

Piero Bianucci

 

ebook

ebook

Benvenuti a bordo
Rusconi Libri, Milano, 1994

 

Un romanzo che mi venne in mente di scrivere al tempo della prima tangentopoli. Lo spunto me lo diede una imbarcazione tuttora ancorata lungo il Po davanti alla vecchia sede de “La Stampa” di via Marenco. Alcuni personaggi sono a chiave. Si può giocare a riconoscerli. Il tono è ironico. La scrittura volutamente letteraria ma con la concretezza della cronaca e l’aspirazione audace di ricordare quella ineguagliabile di Piero Chiara. L’imbarcazione, si immagina, è un dragamine. Diventerà un rifugio notturno per altro genere di dragaggio. Il protagonista parte dalla sua Brindisi e sul dragamine circumnaviga l’Italia. La cosa singolare è che l’approdo sia Torino...
Premio Pirandello Opera Prima.

 

Piero Bianucci

Il Sole

Giunti Editore, Firenze, 1992

 

In 350 pagine patinate tutto quanto sono riuscito a mettere insieme a proposito della nostra stella: cinquemila anni di ricerche, origine ed evoluzione del Sole, la sua attività in quiete e in tempesta, l’osservazione fuori dello spettro visibile, il Sole e la vita sulla Terra, consigli per l’osservazione.

Piero Bianucci

 

ebook

 

Piero Bianucci

Piccolo, grande, vivo
Ed. La Stampa, Torino, 1991

 

Un viaggio nell’estremamente piccolo (l’atomo), l’estremamente grande (universo) e l’estremamente complesso (organismi viventi). Gli sono affezionato. Andò anche in edicola, cinquantamila copie, con un Cd-rom che raccoglieva le annate di “Tuttoscienze”.
E’ stato tradotto in spagnolo (Ed. Ariel Ciencia).
La Presentazione è di Tullio Regge.

 

Piero Bianucci

La Terra
Giunti Editore, Firenze, 1990

 

Pochi si ricordano che la Terra è anche un pianeta.
Ho sempre cercato di non dimenticarlo, e ho scritto questo libro in quattro grandi capitoli che si rifanno nel titolo agli elementi ritenuti fondamentali dai filosofi antichi: terra (l’interno del nostro pianeta, nucleo, mantello, litosfera, tettonica a placche), acqua (oceani, fondali, mari, coste), aria (atmosfera, dalla troposfera in sù). Ma al posto del fuoco (che è già nel nucleo terrestre) ho messo come quarto capitolo il Cielo.
Perché la Terra, non dimentichiamolo, è una piccola sfera sospesa nello spazio, e una volta  Richard Buckminster Fuller, l’architetto che ha ideato la cupola geodetica, disse di essere convinto che la gente si comporta male perché ha l’impressione che la Terra sia piatta. In effetti, se in ogni istante avessimo presente che la Terra è un sasso rotondo sperduto nell’universo, cambierebbe il nostro modo di concepire la vita e di trattare il nostro prossimo.
Di colpo, tutti gli esseri umani e tutte le creature viventi diventerebbero davvero nostri fratelli e sorelle.

Piero Bianucci


Piero Bianucci

 

ebook

La Luna
Tradizione, Scienza, Futuro
Giunti Editore, Firenze, 1988

 

Simmetricamente al libro dedicato al Sole, tutto ciò che sono riuscito a mettere insieme a proposito del nostro satellite: mitologia, storia delle osservazioni lunari, esplorazione spaziale, sbarco degli astronauti, descrizione cratere per cratere, influssi sulla Terra reali e presunti, consigli per l’osservazione.
E’ stato tradotto in francese (Ed. Bordas).

Piero Bianucci

Aria, Acqua, Terra
Mondadori, Milano, 1986

 

Un libro di scienze della Terra scritto per i ragazzi in una collana diretta da Piero Angela per Mondadori sotto il marchio vincente di “Quark”.

 

Piero Bianucci

 

Piero Bianucci

Stella per stella

Guida turistica dell'Universo
Giunti Editore, Firenze, 1985, 1991, 1997

 

La Giunti ne ha fatte varie edizioni. Ha avuto fortuna.
E’ stato tradotto in francese (Ed. Bordas).
Lo si può leggere pagina dopo pagina, con pazienza, o consultare come guida alle osservazioni approfittando delle grandi mappe delle costellazioni.

Piero Bianucci

Il nuovo Sistema Solare
Fabbri, Milano, 1983

 

Due fascicoli di 64 pagine ciascuno che ridisegnano il sistema solare dopo le imprese delle prime sonde spaziali che visitarono Mercurio, Venere, Marte, Giove e Saturno. Andò in edicola e su abbonamento, in una grande collana diretta da Piero Angela sotto il marchio di “Quark”.

Piero Bianucci

Rapporto sul Sole
Rusconi, Milano, 1982

 

E’ il mio primo libro dedicato al Sole. Ho il bel ricordo di una settimana trascorsa all’Osservatorio di Arcetri (Firenze) a raccogliere documentazione.
Presentazione di Tullio Regge.

Piero Bianucci

Il villaggio mondiale della comunicazione
Sarin, Torino, 1982

 

Erano gli anni della nascente rivoluzione digitale, quella che avrebbe portato a Internet e ai telefonini. Scritto su commissione, ma mi ci sono appassionato. Le parti tecniche per fortuna le hanno curate ricercatori dello Cselt, il grande centro di ricerca torinese su informatica e telecomunicazioni, poi passato in mani Telecom.

Piero Bianucci

Geo e Topina con il cannocchiale
Giunti Editore, teramo, 1980

 

Una fiaba, un piccolo libro in una bella collana ideata da Renato Minore per l’editore Giunti & Lisciani. Un bambino e una bambina inventano per caso un cannocchiale così potente che riescono a vedere se stessi di schiena: la luce ha fatto il giro dell’universo ed è tornata al punto di partenza! Meraviglie della relatività e della curvatura dello spazio.
Magnifica la compagnia di scrittori che Renato Minore coinvolse nella collana: Piero Chiara, Gianni Rodari, Mario Tobino, Andrea Zanzotto, Gina Lagorio, Alberto Moravia, Carlo Bernari, Alberto Bevilacqua, Fulvio Tomizza, tanto per citarne alcuni.

Piero Bianucci

 

ebook

Pionieri del cielo
SugarCo, Milano, 1979

 

Una storia (informale) dell’astronautica dallo Sputnik, primo satellite artificiale (1957) allo Shuttle, che, ospite del Dipartimento di Stato degli Stati Uniti e della Nasa, potei scoprire nei minimi particolari tre anni prima del suo volo inaugurale.
Premio Glaxo Cee 1980.

Piero Bianucci

Il telefono, la tua voce
Vallecchi, Firenze, 1978

 

Con questo libro che evoca uno slogan pubblicitario diventato famoso avviene il mio primo incontro con l’affascinante mondo tecnologico delle telecomunicazioni. Il libro contiene anche un saggio sociologico di paolo Fabris.

Piero Bianucci

La svolta nucleare
Vallecchi, Firenze, 1978

 

Erano gli anni del Piano Energetico italiano elaborato con Carlo Donat-Cattin ministro dell'Industria: 10 centrali nucleari da integrare in un sistema di altre fonti energetiche, in modo da diminuire la dipendenza dell'Italia dai paesi produttori di petrolio. Le centrali non si sono fatte, e con il senno di poi forse non è stato un male. Invece è certamente un male che da allora l'Italia non abbia più avuto un Piano Energetico. Ed è un male che la nostra dipendenza energetica non sia diminuita ma aumentata. Tutto questo non perché si sia fatta qualche scelta, presa qualche decisione. No. Semplicemente perché non si è fatta nessuna scelta né presa alcuna decisione. Perché nessun governo ha davvero governato.

 

 

Piero Bianucci

Il pianeta azzurro
SugarCo, Milano, 1978

 

Qui nasce la mia fissazione di guardare alla Terra come al pianeta più vicino a noi. Così vicino che ci camminiamo sopra e non lo vediamo. Il titolo fu poi copiato da Luigi Malerba che lo appiccicò a un suo romanzo di alcuni anni dopo, e da un cineasta che lo applicò a un documentario di argomento ecologico.
Finalista al premio “Libro per l’estate”.

Piero Bianucci

Leggere il giornale
Paravia, Torino, 1978

 

Una piccola guida alla interpretazione critica dei giornali, destinata agli studenti delle scuole medie inferiori e del ginnasio.

Piero Bianucci

Esploriamo il cielo
Paravia, Torino, 1978

 

Una piccola guida alla conoscenza delle costellazioni, delle stelle e dei pianeti, destinata agli studenti delle scuole medie inferiori.

Ferrarotti

 

ebook

Dagli atomi al cosmo
SugarCo, Milano, 1976

 

Come onestamente e piattamente dice il titolo, si parte da una descrizione del microcosmo e si arriva alla descrizione dell’universo, con speciale attenzione per fenomeni come i buchi neri, che in quegli anni erano ancora un tema molto esotico e del tutto teorico. Anzi, si diceva che non sarebbe mai stato possibile scoprirli. Presentazione di Alfredo Molinari.
Tradotto in spagnolo.

Piero Bianucci

Adesso che gli uomini piangono
Il Friuli dopo due terremoti
S.E.I., Torino, 1976

 

Un instant-book di cronache giornalistiche e fotografie pubblicato dalla Società Editrice Internazionale subito dopo il terremoto che nel 1976 sconvolse il Friuli.
La cosa più bella sono le fotografie, scattate con grande umanità da Giovanni Perno, reporter alla “Gazzetta del Popolo”, prematuramente scomparso nel rimpianto di tutti coloro che l’avevano conosciuto. Il libro fu realizzato grazie alla sensibilità dell’allora direttore editoriale della SEI don Francesco Meotto.
I (modesti) diritti d’autore andarono ai terremotati.

Piero Bianucci


Piero Bianucci

Universo senza confini
SugarCo, Milano, 1975

 

Il mio primo, fortunatissimo libro di divulgazione astronomica. Con Presentazione del direttore dell’Osservatorio di Torino Mario Girolamo Fracastoro, che si fece carico anche della revisione scientifica del testo. Tuttora ha la mia gratitudine, così come l’amico Peter Kolosimo, che mi presentò alla Sugar (e qui Massimo Pini ebbe fiducia in me o, più probabilmente, si fidò di lui).
Tradotto in spagnolo.

Piero Bianucci

La verità confezionata
Paravia, Torino, 1974

 

Guida alla lettura critica dei giornali destinata ai licei e alle altre scuole medie superiori. Fortemente voluta, e lo ringrazio, dal professor Igino Vergnano, all’epoca, oltre che insegnante nei licei, consulente della Paravia. Duecentocinquanta pagine per smascherare i trucchi dell’informazione.

Piero Bianucci

 

ebook

Invito alla lettura di Raffaello Brignetti
Mursia, Milano, 1974

 

Il mio primo libro. Raffaello Brignetti (1921-1978) è stato uno dei nostri rarissimi scrittori di mare. Giornalista e inviato speciale, fu un grande poeta in prosa, purtroppo immobilizzato in seguito a un incidente d’auto nel quale fu soccorso malamente, e troppo presto scomparso. Ebbe il Premio Viareggio nel 1967 per “Il gabbiano azzurro” e il Premio Strega nel 1971 per “La spiaggia d’oro”.
La collana della casa editrice Mursia “Invito alla lettura”, diretta da Mario Miccinesi, individuò tutti i più importanti narratori del secondo Novecento (tra gli altri, Vittorini, Fenoglio, Bassani, Calvino, Gadda, Elsa Morante, Primo Levi, Dino Buzzati) e affidò i saggi su di essi a critici letterari e scrittori affermati o emergenti (Walter Mauro, Massimo Grillandi, Giuseppe Bonura, Ernesto Ferrero, Carlo Sgorlon, Claudio Toscani, Fiora Vincenti, Elena Clementelli...).
Curioso il motivo che mi portò a essere autore del saggio su Brignetti. Il curatore della collana, Mario Miccinesi, gli domandò se avesse qualche nome da suggerire. Non ci conoscevamo affatto, ma sulla “Gazzetta del Popolo” avevo recensito “La spiaggia d’oro” con toni piuttosto acidi. E Brignetti  fece il mio nome proprio perché la mia recensione era stata “cattiva”. Il che dice molto sulla mia giovanile presunzione e sulla generosità di Raffaello Brignetti.

 

Piero Bianucci

Piero Bianucci

TUTTOSCIENZE

 

Il supplemento scientifico “Tuttoscienze” de “ La Stampa” è stato raccolto in 39 volumi che riuniscono sotto un indice ragionato le circa tremila pagine pubblicate dal 1981 al 2001. Qui a sinistra vediamo il primo e l’ultimo volume.
La raccolta fino al 2002 esiste anche su Cd-Rom.

Piero Bianucci

"Le Stelle" - Cd-Rom

Nell’ambito di una sperimentazione multimediale, “La Stampa” ha prodotto negli Anni 90 alcuni Cd-Rom scientifici contenenti animazioni ed esperimenti virtuali. Alla serie lavorarono Tullio Regge e Federico Tibone.
Questo è quello dedicato all’astronomia.

Piero Bianucci

Estetica, poetica e tecnica in Pavese: ipotesi di lavoro
1970

 

Sono stato fortunato. Tre mesi dopo la laurea (7 luglio 1967) sceglievo tra due possibilità di lavoro: un incarico nella scuola media di Favria Canavese e tre mesi in prova alla "Gazzetta del Popolo". Scelta la seconda opportunità, altra fortuna: un anno dopo l'esodo di parecchi giornalisti famosi fece spazio all'ultimo arrivato. Così, grazie alla benevolenza del direttore Giorgio Vecchiato, mi trovai fa fare la Terza Pagina e il Diorama Letterario. Conobbi quindi Fernanda Pivano, allora collaboratrice della "Gazzetta" (poi passò al "Corriere"). Ne nacque un'amicizia, e anche questo Quaderno su Cesare Pavere dell'Istituto Nuovi Incontri di Asti. Fu lei a propormi di scrivere un saggetto, e io misi insieme "Estetica, poetica e tecnica in Pavese: ipotesi di lavoro", pagine nettamente sotto l'influsso dell'Estetica di Luigi Pareyson. Conclusione: senza alcun merito, mi trovai in compagnia di Fernanda, Paolo Cinanni e Davide Lajolo. Dentro c'è scritto: "Finito di stampare il 15 novembre 1970".

 

 

© Copyright Piero Bianucci 2012 - P. IVA 02502870013 Note legali Credits