twitter facebook

Appuntamenti

 

 

 

 

Piero Bianucci
I miei appuntamenti
Ferrarotti
10.03.2016

Cavalcare una cometa

 

GiovedìScienza, Politecnico di Torino,
aula magna, ore 17,30

In collaborazione  con Thales Alenia Space
Intervengono Amalia Ercoli Finzi, dipartimento di scienze e tecnologie aerospaziali del Politecnico di Milano, e Maria Antonietta Perino, Thales Alenia Space
 
Le comete sono all'incirca com’erano 4,5 miliardi di anni fa: ci parlano quindi della formazione dei pianeti, Terra inclusa, e forse dell'origine della vita. Ecco perché sono importanti, anche se sono solo piccoli iceberg di sabbia e ghiaccio. Nel 2014 per la prima volta una navicella spaziale è entrata in orbita intorno a una cometa e l'ha inseguita fino al passaggio vicino al Sole e durante il ritorno verso spazi remoti e gelidi. Per la prima volta un laboratorio automatico è sceso sul nucleo di una cometa e per qualche giorno ha trasmesso dati. "Rosetta" è la sonda che sta orbitando ancora intorno alla cometa Churyumov-Gerasimenko, "Philae" il laboratorio che si è posato sul suo nucleo. Nell'agosto 2015 la cometa è transitata nel punto più vicino al Sole sviluppando coda e chioma. Ora se ne allontana mentre "Rosetta" continua a spiarne il comportamento. I dati trasmessi sono stati analizzati in centinaia di articoli scientifici. E' un grande successo nell'esplorazione del Sistema solare, che continuerà con nuove sonde dirette a Marte, al satellite Europa in orbita intorno a Giove, e con una nuova missione verso Mercurio.
 
Amalia Ercoli Finzi
Sono tanti i programmi spaziali con la sua partecipazione, dal "Satellite al guinzaglio”, al programma “SAX”, dallo “Spider” fino all’SD2, del quale è responsabile scientifico, per la missione “Rosetta" dell’Agenzia Spaziale Italiana sulla cometa Churyumov-Gerasimenko. E' stata direttrice del Dipartimento di Ingegneria Aerospaziale del Politecnico di Milano insegnando Meccanica Orbitale e Sistemi Spaziali, membro esperto dell'Human Spaceflights Vision Group (HSVG) dell'ESA per la programmazione di voli spaziali con equipaggio. Ora è membro del consiglio tecnico-scientifico dell'ASI e dell'Exploration Program Advisory Committee dell'ESA per l'esplorazione di Marte, e del Lunar Lander Science Definition Team sempre dell’ESA.
Maria Antonietta Perino, dopo la laurea al Politecnico di Torino in Ingegneria Nucleare, frequenta l’International Space University all’M.I.T., Boston, diventando parte del corpo docente. Dal 1986 lavora in Thales Alenia Space a Torino come Program Manager dei principali programmi nazionali ed europei legati all’esplorazione come ExoMars, Mars Sample Return, e l’Aurora Core Program. Attualmente è  direttore dei “Advanced Exploration Programs” del Dominio Esplorazione e Scienza.
 
 

© Copyright Piero Bianucci 2012 - P. IVA 02502870013 Note legali Credits Area Riservata

Username o password errati! Riprova